Cosa vedere a Torino in due giorni

Cosa vedere a Torino in due giorni

Torino è una città grandissima che offre molte cose uniche da vedere e anche da gustare.

Cosa vedere a Torino in 2 giorni: i luoghi imperdibili del capoluogo piemontese

Se però avete a disposizione poco tempo per visitarla e vi state chiedendo “cosa visitare a Torino due un giorni” allora continuate a leggere l’articolo.


Potresti essere interessato a: Cose da vedere a Torino in tre giorni


Dove dormire a Torino

Torino è una città bellissima e come tale è molto visitata sia dai turisti italiani che stranieri.

La città offre numeroso strutture alberghiere ma noi abbiamo selezionato quelle, che a nostro parere erano più meritevoli.

Appartamenti

Orologio Living Apartments : Situato di fronte a un parcheggio taxi, l’Orologio Living Apartments offre buoni collegamenti tramite mezzi pubblici per il centro città e appartamenti dotati di un angolo cottura, di connessione WiFi gratuita e di una vista sui tetti circostanti o sul giardino.

Hotel

Liberty Hotel 3* : L’Hotel Liberty vi attende in un tranquillo quartiere residenziale, a 1 km dal centro di Torino e a soli 10 minuti di cammino dalla stazione ferroviaria Torino Porta Nuova.

Hotel Roma e Rocca Cavour 3* : Gestito dalla stessa famiglia sin dal 1854, l’Hotel Roma e Rocca Cavour è uno degli alberghi più antichi di Torino. Immerso in un giardino rigoglioso, sorge di fronte alla stazione ferroviaria di Porta Nuova.

Best Western Hotel Genio 3* : Il Best Western Hotel Genio occupa un edificio ottocentesco situato lungo il centrale Corso Vittorio Emanuele di Torino e vanta camere con aria condizionata. La stazione ferroviaria di Porta Nuova dista 200 metri.

Hotel Chelsea 3* : Situato a soli 50 metri dalla centrale Piazza Castello di Torino, con collegamenti per la stazione ferroviaria, il Chelsea è un piccolo hotel a conduzione familiare che vanta un ristorante specializzato in cucina mediterranea.

Best Western Hotel Crimea 3* : Ubicato a 1,5 km dalla stazione di Torino Porta Nuova e a 20 minuti dal Palazzo Reale, il Best Western Hotel Crimea mette a vostra disposizione un garage e uno staff cordiale per assistervi durante il soggiorno.

Cosa vedere a Torino in un solo giorno: i luoghi imperdibili

Piazza Castello

Partiamo il nostro veloce tour dalla piazza più famosa della città, Piazza Castello, che ospita al suo centro Palazzo Madama e Casaforte degli Acaja, mentre nella parte esterna troviamo Palazzo della Prefettura-Armeria Reale, il Teatro Regio, la Regione Piemonte, la Real Chiesa di San Lorenzo, la Galleria Subalpina, la Torre Littoria.

In questa piazza confluiscono le 4 arterie principali della città, la pedonale via Garibaldi, via Po, via Roma e via Micca.

Palazzo Reale

Sulla piazza affaccia Palazzo Reale di Torino, dimora storica della famiglia Savoia da dove diresse le sorti del regno per oltre 3 secoli e patrimonio dell’UNESCO dal 1997.

 

Enormi saloni e camere da letto dallo stile barocco adornati di ori e pietre preziose unite alla grandezza del palazzo stavano ad indicare la ricchezze e la potenza della famiglia reale.

Il palazzo è uno dei musei più visitati della città, quindi per non perdere tempo con code inutili, vi consigliamo di prenotare in anticipo.


Potresti essere interessato a: Le migliori pasticcerie di Torino


Giardini Reali

Possiamo fare un piccolo giro anche nei Giardini Reali; Il percorso comprende il Giardino del Duca, la parte più antica dei giardini con al centro una fontana a zampilli, il boschetto con l’installazione “Pietre preziose” e il Giardino delle Arti con la fontana delle Nereidi e Tritoni.

I Giardini Reali sono racchiusi dall’antica cinta muraria della città di Torino. Lungo il perimetro delle mura, dopo il giardino del Duca troviamo l’edificio del “Garittone” o Bastion Verde, realizzato per scopi militari, poi utilizzato dalle Madame reali come punti panoramico verso la pianura che si estendeva al di fuori delle mura cittadine.

Mole Antonelliana

Ideata da Alessandro Antonelli, appartenente alla fede ebraica, al quale fu commissionato di progettare una nuova sinagoga, il progetto non fu particolarmente apprezzato dalla Comunità Ebraica di Torino a causa dei costi da sostenere per portare a termine la struttura.
Pertanto i membri della Comunità Ebraica decisero di vendere la struttura al Comune di Torino e di costruirne una nuova nel quartiere di San Salvario.

 

Divenuta di proprietà comunale, la Mole subì un ulteriore espansione quando nel 1873 Antonelli decise di aggiungere un altro piano, il cosiddetto “Tempietto”, salendo quindi a 90 metri d’altezza.
A quasi cento metri d’altezza, l’architetto Antonelli decise di seguire il suo progetto iniziale ovvero di chiudere il prestigioso edificio con una terminazione appuntita in stile neogotico.

Ma la sua crescita non si fermò qui, infatti Antonelli, poco prima di morire, decise di completare la guglia prima con una stella a cinque punte e poi con una statua raffigurante il “Genio Alato”, considerato un simbolo dei Savoia.
I lavori furono seguiti poi dal figlio di Antonelli ed ultimati nel 1889.

La Mole Antonelliana oggi ha un altezza pari a 167,5 metri ospita il Museo del Cinema di Torino, e con la sua imponenza è divenuta il simbolo per eccellenza della città di Torino.



Piazza Vittorio

Si trova nel centro di Torino, sulle rive del Po, proprio di fronte alla Chiesa della Gran Madre e con i suoi oltre 38.000 metri quadri di superficie, è la piazza più grande della città e d’Europa.

La piazza è ad oggi un famoso punto di ritrovo per i torinesi, grazie alla presenza di numerosissimi locali dove fare un aperitivo o prende un caffè in compagnia.

La piazza è illuminata da bellissimi lampioni e circondata dai famosi portici torinesi.

Gran Madre di Dio

Proprio difronte a Piazza Vittorio potrete ammirare la Chiesa della Gran Madre di Dio.

Sul timpano della chiesa compare l’epigrafe latina “ORDO POPULUSQUE TAURINUS OB ADVENTUM REGIS”, ossia “la nobiltà e il popolo di Torino per il ritorno del re”, per omaggiare il ritorno di Vittorio Emanuele I appunto.

 

Ai lati della scalinata d’accesso alla Chiesa sono collocate due statue. Sulla destra la statua della Fede, raffigurata con un calice nella mano e a sinistra la statua della Religione.

L’interno è a pianta circolare e la cupola è ispirata al Pantheon di Roma.

Antiche leggende ruotano attorno a questa chiesa, legate alla storia esoterica della città.


Potresti essere interessato a: Cosa vedere a Torino in un giorno


Il museo Egizio

Rimanendo a disposizione solo metà giornata, abbiamo deciso di optare per la visita di quella che per noi è una delle meraviglie di questa città.

Secondo per importanza, dopo quello del Cairo, il museo Egizio di Torino ospita una delle più grandi collezioni di storia antica egizia del mondo.

Questo lo rende uno dei musei più visitati d’Italia, quindi considerando il poco tempo a vostra disposizione, vi consigliamo di prenotare in anticipo per evitare inutili code.

 

Entrando in questo luogo fare un salto nel tempo di 5000 anni, scoprendo oggetti, vita quotidiana, abitudini alimentari, rituali religiosi di questo affascinante popolo e di quelli che ancora oggi sono avvolti da un alone di mistero, i faraoni.

Nota: all’interno non è possibile portare zaini e dovrete lasciare il tutto negli appositi guardaroba o  armadietti (munitevi di documento per poter avere una chiave)


Letture consigliate:

Torino. Con carta estraibile

A spasso per Torino. Guida emozionale della città per torinesi e non

Guida alla Torino incredibile, magica e misteriosa. Luoghi, fatti, personaggi, tradizioni

Guida Museo egizio di Torino


Potresti essere interessato a:

Locali gay a Torino dove fare incontri

Saune gay Torino

Filippo di Ippo e Dixon

Leave a reply