orologio Astronomico di Praga

Orologio astronomico di Praga: tutte le informazioni utili

L’Orologio Astronomico di Praga

Una delle attrazioni principali di Praga, insieme al Ponte Carlo, è senza dubbio l’Orologio Astronomico, chiamato dai praghesi Staroměstský Orloj, reso celebre dalle leggende e storie che lo hanno come scenario e dallo spettacolo delle 12 statuette degli apostoli.

Progettato dal maestro orologiaio Hanus, si racconta che non abbia mai rivelato il sue esatto funzionamento.


Potresti essere interessato a: Cosa vedere a Praga in 3 giorni


La storia dell’Orologio Astronomico di Praga

L’orologio astronomico di Praga risale al periodo che va tra il quattordicesimo e quindicesimo secolo, progettato e costruito nel 1410 dal mastro orologiaio Nikolas zu Kadan e un professore di matematica e astronomica dell’Università di Praga, Jan Sindel.

Inizialmente l’orologio non si presentava come lo vediamo oggi, infatti nel 1490 vennero aggiunte le sculture che si vedono in facciata e il quadrante del calendario.

Inizialmente si pensava che il progetto di quest’opera fosse dell’orologiaio Hanus zu Ruze, dopo che nel 1552, in seguito ad una riparazione da parte del maestro Jan Taborsky, quest’ultimo aveva indicato Hanus come ideatore. Dopo il 1552 l’orologio si è fermato molte volte.

Nel diciassettesimo secolo venne fatta un’ulteriore modifica, ovvero quella delle famose statue mobili. Gli ultimi decori che furono aggiunti, sono le statue in legno raffiguranti gli apostoli, che vennero inserite nel 1865.

Durante la seconda guerra mondiale, si stima intorno al 7 Maggio 1945, ‘orologio astronomico di Praga venne quasi distrutto dalle bombe di fuoco che vennero lanciate dai tedeschi. Gran parte dell’opera fu danneggiata, poi successivamente riparata grazie alla popolazione, per tornare al suo splendore nel 1948.

 

Funzionamento e significato dell’orologio astronomico di Praga

L’orologio astronomico di Praga ha un funzionamento molto complesso, per semplicità lo suddivideremo in tre parti, la parte superiore degli apostoli, la parte centrale del quadrante astronomico e la parte inferiore del calendario.

Il corteo degli apostoli e i vizi capitali

Sulla parte superiore vediamo sui lati quattro figure che prendono vita ogni ora. Queste quattro figure rappresentano alcuni dei peggiori vizi capitali, da destra a sinistra:

  • personaggio con lo specchio rappresenta la vanità;
  • personaggio con la borsa rappresenta l’avarizia;
  • lo scheletro rappresenta la morte;
  • il turco rappresenta la lussuria.

Ad ogni ora lo scheletro tirando una corda con la mano destra fa suonare una campanella e con la sinistra capovolge la clessidra che ha in mano indicando al turco in piedi al suo fianco che il suo tempo è scaduto, il turco in segno di disapprovazione scuote la testa, le altre due figure (Marnivec e Lakomec) fanno lo stesso. A questo punto inizia il corteo degli apostoli che a coppia si fanno vedere dalle finestre.

Le figure escono contemporaneamente dalle due finestre in questo ordine:

  • a destra San Pietro con una chiave, a sinistra Giuda con un libro,
  • a destra San Matteo con un’ascia, a sinistra Sant’Andrea con una croce;
  • a destra San Filippo con un , a sinistra San Giovanni con un calice,
  • a destra San Paolo con un libro e una spada, a sinistra San Tommaso con una lancia;
  • a destra San Simone con una sega, a sinistra San Barnaba;
  • a destra San Giacomo, a sinistra San Bartolomeo.

Al termine di tutto ciò, il gallo dorato canta il cambio dell’ora.

Quadrante astronomico

Il quadrante astronomico serviva per individuare la posizione delle stelle.

A fare da sfondo al quadrante è la terra che è fissata nel cielo ed intorno ad essa si muovono quattro meccanismi, l’anello zodiacale, l’anello rotante esterno, la lancetta del sole, la lancetta della luna. Inoltre viene indicata l’antica ora boema:

  • Sfondo del quadrante: Il cerchio celeste che si vede al centro è il simbolo della terra, la zona superiore dipinta di blu scuro rappresenta il cielo sopra l’orizzonte, mentre il nero rappresentano il cielo sotto l’orizzonte e il rosso le fasi di alba e tramonto. Durante l’intera giornata il meccanismo sposta il simbolo del sole nella zona in cui si trova, giorno, notte o alba e tramonto. I numeri romani dorati che si trovano sul bordo indicano l’ora di Praga. Le linee curve dorate, invece, dividono la zona blu del quadrante in dodici parti (numerate da 1 a 12 con cifre arabe) e segnano le ore intese come 1/12 del tempo che intercorre tra l’alba ed il tramonto di ogni giorno, chiamate anche “ore planetarie”. La lunghezza delle ore così calcolate varia a seconda delle stagioni, con l’allungarsi o l’accorciarsi delle giornate nel corso dell’anno.
  • L’anello zodiacale e l’anello esterno rotante: All’interno del quadrante c’è un anello mobile con raffigurati i 12 simboli zodiacali (disposti in ordine antiorario), che indica anche la posizione del sole. La disposizione dei simboli sull’anello zodiacale è derivata dall’uso di una proiezione stereografica del piano dell’eclittica usando il polo nord come base della proiezione stessa. La piccola stella dorata indica la posizione dell’equinozio di primavera ed il tempo siderale può essere letto sulla scala contrassegnata dai numeri romani dorati.
  • Il sole: Il simbolo del Sole si muove attorno all’anello zodiacale, in modo da indicare la posizione del sole rispetto all’eclittica. È fissato ad una lancetta che termina con una piccola mano, in modo da segnare l’ora in 3 diversi modi:
    1. La posizione della mano rispetto ai numeri romani indica l’ora locale di Praga;
    2. La posizione del sole rispetto ai settori delimitati dalle linee curve indica l’ora intesa come 1/12 di tempo tra l’alba ed il tramonto (ora planetaria);
    3. La posizione della mano rispetto all’anello esterno segna l’antica ora Boema.
  • La Luna: Il movimento della Luna sull’eclittica è simile a quello del Sole, sebbene molto più veloce. Una sfera metà argentata e metà scura indica le varie fasi lunari.
  • L’antica ora boema: La serie di numeri arabi su sfondo scuro presenti sul bordo esterno dell’orologio indicano l’Antica ora boema, misurata partendo dal tramonto. L’anello si muove nell’arco dell’anno per far coincidere la prima ora della giornata con il momento del tramonto. Tra il XIV e il XVIII secolo anche in Italia questo era il sistema più diffuso di conteggio delle ore.

Calendario

Il calendario posto al di sotto dell’orologio astronomico è stato aggiunto nel 1870 ed è una copia del dipinto del pittore boemo Josef Manes. È formato da dodici medaglioni raffiguranti scene di vita rurali associate ai dodici mesi dell’anno. I personaggi ai lati del calendario raffigurano le principali materie dell’epoca: a partire da destra, la prima figura rappresenta un sapiente che legge un libro e simboleggia la filosofia; la seconda figura rappresenta anch’essa un sapiente che reca in mano un cannocchiale e simboleggia l’astronomia; la terza figura rappresenta un angelo con la spada e scudo e simboleggia la teologia; la quarta figura rappresenta ancora un sapiente che esamina una pergamena e simboleggia la matematica o la storia.

Curiosità sull’Orologio Astronomico di Praga

Durante i lavori di ristrutturazione dell’orologio astronomico, nel 2018, mentre le statue degli apostoli venivano sistemate, un restauratore si accorse che una statua in particolare, quella di San Tommaso, era molto più pesante delle altre. Incuriositi, la statua è stata sottoposta ai raggi x per capirne il motivo. La diagnosi ha svelato che al suo interno c’era una custodia in metallo contenente un messaggio scritto dallo scultore Vojtech Sucharda. A questo scultore gli era stato commissionato il lavoro di creare alcune statue per l’orologio dopo i danneggiamenti della seconda guerra mondiale.

Il messaggio citava queste parole: “Proprio quando pensiamo di sapere tutto di un monumento, come il vecchio municipio, possiamo essere sorpresi da una nuova scoperta!”

 

 

 

Orologio Astronomico Praga

Orari e prezzi dell’Orologio astronomico di Praga

Esterno

L’orologio è aperto tutti i giorni a tutte le ore, essendo in una via pubblica. Per vederlo in funzione, basterà recarvi qualche minuto prima di fronte e attendere lo spettacolo. Ad ogni ora dalle 9 alle 23 l’orologio fa il suo spettacolo.

Orario: Tutti i giorni dalle 9.00 alle 23.00

Prezzo: Gratuito

Interno

Se volete vedere le figure degli apostoli da vicino, quindi da dietro le due finestre, ti consigliamo di acquistare un biglietto per il Municipio della Città Vecchia, dove le vedrai dalla cappella del municipio, oltre a vedere la Torre con la sua vista meravigliosa!

Orario Torre dell’orologio astronomico: da Gennaio a Settembre, il Lunedì dalle 11.00 alle 22.00, dal Martedì alla Domenica dalle 9.00 alle 22.00, da Ottobre a Dicembre, il Lunedì dalle 11.00 alle 20.00, dal Martedì alla Domenica dalle 9.00 alle 20.00.

Prezzi Torre: intero circa 10 euro, ridotto circa 6 euro, familiare circa 19 euro

Orologio Astronomico di Praga: Video

La leggenda e la maledizione del mastro orologiaio Hanus

La lugubre leggenda vede come protagonista il costruttore dell’Orologio Astronomico, il mastro orologiaio Hanus.

Si racconta che, per evitare che nessun altra città potesse avere un orologio di tanta bellezza e unicità, il consiglio comunale, gli fece tendere un agguato e venne accecato.

Hanus per vendicarsi di tanta cattiveria danneggiò l’orologio; nessuno era a conoscenza dei segreti dell’opera, tanto che per oltre un secolo rimase ferma.

La credenza popolare dice che, nel caso l’orologio si blocchi, Praga e i suoi abitanti sarebbe investita da una pandemia.

Dove si trova l’orologio astronomico di Praga

L’orologio si trova nel pieno centro della città vecchia di Praga, precisamente su un lato del municipio.

L’indirizzo preciso dell’orologio è: Staroměstské nám. 1, 110 00 Josefov, Cechia

Per raggiungerlo facilmente con Google Maps clicca qui di seguito: Orologio Astronomico Google Maps

Come raggiungere l’Orologio di Praga

Potete raggiungere l’orologio astronomico con una passeggiata a piedi fino alla piazza della città vecchia, oppure tramite metro con la linea verde fermata Staromestska (circa 300 metri) o con la linea verde o gialla fermata Mustek (circa 450 metri), oppure in bus n. 194 scendendo alla fermata Staromestska (circa 400 metri)

Per saperne di più su come muoversi a Praga leggi il nostro articolo: Come muoversi a Praga

Dove mangiare vicino l’Orologio astronomico

Il quartiere è quello di Stare Mesto, quello della città vecchia, qui tra ristoranti, bar e caffetterie (come Starbucks praticamente difronte all’orologio), potrete trovare tutto quello che fa al caso vostro che sia una pausa caffè, un pranzo o una cena.

Se volete camminare 10 minuti e gustarvi degli ottimi hamburger e non solo e della buona birra vi consigliamo Sad Man’s Tongue Bar & Bistro. Questo pub si trova QUI (clicca per raggiungerlo con Google Maps). È aperto dalle 11.30 alle 21.30.

Oppure camminando 5 minuti, potrete gustarvi cucina italiana, mediterranea con opzioni vegetariane e senza glutine, da Wine O’Clock Shop Prague. Questo locale si trova QUI (clicca per raggiungerlo con Google Maps). È aperto dal Giovedì al Sabato dalle 17.00 alle 23.30.

Volete provare la cucina ceca? A 3 minuti a piedi dall’orologio troverete U Červeného páva. Per raggiungerlo comodamente con Google Maps clicca QUI. È aperto tutti i giorni dalle 11.30 alle 23.00.

Sempre vicino all’orologio e sempre cucina ceca, vi consigliamo Restaurace MINCOVNA. Per raggiungerlo con Google Maps clicca QUI. È aperto tutti i giorni dalle 11.00 alle 23.00.

Sei indeciso su cosa mangiare? Leggi il nostro articolo su cosa mangiare nella capitale ceca: Cosa mangiare a Praga

 

 


Potresti essere interessato a:

Bere birra a Praga e le migliori birrerie della città

Consigli su come organizzare un viaggio a Praga

Come arrivare al centro città dall’aeroporto di Praga


Letture consigliate:

Guida di Praga

Praga magica

Leave a reply