Ippo e Dixon davanti alla porta di Brandeburgo a Berlino che si abbracciano

Cosa vedere a Berlino in 3 giorni: i luoghi da non perdere!

Cosa vedere a Berlino in 3 giorni: tutti i luoghi imperdibili della capitale tedesca

Porta di Brandeburgo
Memoriale dell’Omocausto
Memoriale dell’Olocausto
Il Parlamento tedesco
Il Duomo di Berlino – Berliner Dom
Alexanderplatz e la torre della televisione
Museo DDR
Isola dei musei
Muro di Berlino e l’Est Side Gallery
Checkpoint Charlie
Museo Ebraico
Areoporto dismesso Tempelhof
Postdamer Platz
Schöneberg, i quartiere gay
Memoriale per Sinti e Rom

Prima di parlare di “cosa vedere a Berlino in 3 giorni” vi diciamo che è bellissima e al contempo ha un enorme problema: la sua vastità.

Esatto, Berlino è una delle capitali europee più grandi e dispersive che abbiamo visitato, tanto che al nostro arrivo ci siamo sentiti un po’ sperduti visto sopratutto i tempi ristretti che avevamo per visitarla: 3 giorni.

Siamo sinceri, ci siamo chiesti cosa vedere a Berlino in 3 giorni e non è stato sicuramente semplice decidere, ma alla fine siamo riusciti a vedere tutte le cose principali.

Per questo abbiamo creato questo itinerario grazie al quale, potrete, in soli 3 giorni, visitare i luoghi più importanti della capitale della Germania.

Considera che per vedere la città a fondo dovreste dormire a Belino almeno 7 giorni, ma avendo a disposizione solo 3 giorni, basta un po’ di organizzazione e un buon allenamento e vedrai che riuscirai a vedere i luoghi più imperdibili della città.

Cosa vedere a Berlino a piedi?

Nel complesso Berlino è una città veramente enorme, e utilizzare solo le proprie gambe come mezzo di trasporto è un pochino limitante.

Il nostro consiglio è quello di raggiungere la zona da visitare con la Metro o un qualsiasi altro mezzo di trasporto e poi procedere a piedi per ammirare a 360° la bellezza della città per riuscire a vedere Berlino in 3 giorni.

Considera che la città ha una rete di mezzi di trasporto pubblici molto efficace e capillare con cui ti puoi spostare comodamente e sarà ancora più semplice utilizzando  la Berlin Welcome Card

Cosa vedere a Berlino di particolare?

Berlino è una città all’avanguardia, moderna e antica allo stesso tempo: rimarrete stupefatti dalla cupola  in vetro del Parlamento Tedesco, Areoporto dismesso Tempelhof o dalla vivacità e i colori del quartiere di Schöneberg, tutti luoghi di interesse da inserire nel vostro tour di “cosa vedere a Berlino in 3 giorno”

Porta di Brandeburgo

Tra le cose da vedere a Berlino sicuramente c’è lei. Se poi è la prima volta che vieni a Berlino dirigiti subito ad uno dei luoghi più emblematici di questa città: La porta di Brandeburgo, questa enorme porta si trova all’inizio del Tiergarten, uno dei diversi parchi della capitale.

Questa grande porta in stile neoclassico è uno degli elementi più rappresentativi di Berlino. Questo monumento ha visto e vissuto tutta la storia della città, costruita come segno di pace, diventata simbolo di divisione nel 1961, da qui iniziò la costruzione del muro, fino ad oggi che è simbolo di libertà.

Apparentemente risulta essere a mio avviso un monumento spoglio e meno affascinante rispetto ad altre sue simili, ma pensando a tutto quello che ha passato immediatamente diventa un monumento di un valore inestimabile, da osservare, da immaginare, la pelle d’oca è stata inevitabile.

La porta di Brandeburgo si trova in Pariser Platz.

porta-brandeburgo-berlino

Memoriale dell’Omocausto

Di fronte alla porta di Brandeburgo (attraversando il viale, all’interno del Tiergarten) troviamo il Memoriale agli omosessuali perseguitati sotto il nazismo detto anche Memoriale dell’Omocausto.

Questa deve essere assolutamente una pietra miliare per il popolo LGBT e un “luogo imperdibile” per la nostra comunità. Qui troviamo una stele, ma più grande, con all’interno un video in loop di coppie lgbt che si baciano.

Il Memoriale dell’Omocausto si trova in Ebertstraße.

Memoriale per i Sinti e Rom

Sempre all’interno del Tiergarten, non poco distante dal Memoriale per l’Omocausto, troviamo il Memoriale per Sinti e Rom, una grande vasca circolare contornata da una stele incisa con toccanti parole del poeta Santino Spinello

Il Memoriale si trova in Simsonweg.

memoriale-omocausto-berlino

Il Parlamento Tedesco o Bundestag

Continuando a passeggiare giungiamo al Parlamento Tedesco, il Bundestag. Elemento di spicco è sicuramente la cupola in vetro, dell’architetto Sir Norman Foster.

E’ possibile visitarlo gratuitamente, prenotando con largo anticipo da QUI. Mi raccomando, largo anticipo, purtroppo noi non abbiamo trovato posto.

Il Parlamento Tedesco si trova in Platz der Republik 1.

parlamento-bundestag-berlino

Il duomo di Berlino – Berliner Dom

Il Duomo di Berlino vi stupirà per la sua imponenza e dalla sua architettura barocca influenzata dal rinascimento italiano. Noterete subito quanto è grande, infatti il Berliner Dom è lungo 114 metri, largo 73 e alto 116, sovrastato da una maestosa cupola in rame.

C’è la possibilità di salire fin sopra la sommità, grazie a 270 gradini davvero carini, ovviamente la vista vale la pena.

cattedrale-duomo-berlino

Memoriale dell’Olocausto

Terminata la visita del Parlamento e della sua bellissima cupola, riprendiamo il nostro percorso verso il Memoriale dell’Olocausto tappa imperdibile nella nostra lista “Cosa vedere a Berlino“.

Il memoriale per le vittime dell’olocausto è “luogo imperdibile a Berlino” per chiunque visiti la città, sia che stiate un giorno che stiate tre giorni a Berlino, lo trovate superando la porta di Brandeburgo e spostandoci sulla sinistra arriviamo al Monumento per gli Ebrei assassinati in Europa, un luogo davvero suggestivo e toccante.

Qui l’architetto Eisenman è riuscito in un’opera davvero stupefacente; solitudine e angoscia vi pervaderanno quando camminerete tra le oltre 2700 stele di cui è composta.

Il Memoriale si trova in Cora-Berliner-Straße 1.

L’orario di apertura è dalle 10.00 alle 20.00 tutti i giorni.

memoriale-olocausto-berlino

AlexanderPlatz

Lasciamo il nostro Hotel e dirigiamoci verso Alexanderplatz per visitare la prima attrazione della giornata: la Torre della Televisione.

Salite sulla sua sommità e godetevi la magnifica vista sulla città.

La vista è magnifica anche di notte, sta a voi decidere quale atmosfera preferite  😉

alexanderplatz-torre-televisione-berlino

Museo della DDR

Proseguiamo in direzione  di un famosissimo museo della città: il Museo della DDR che racconta i 40 anni di storia della Repubblica Democratica Tedesca.

Il Museo della DDR è aperto tutti i giorni dalle 10.00 alle 20.00, tranne il Sabato che chiude alle 22.00.

Il prezzo di ingresso al Museo della DDR è di 9,80 euro, se hai la Berlin Welocome Card hai il 25% di sconto.

Isola dei musei

Continuiamo la giornata in direzione “Isola dei Musei“.

Il nome non è a caso, infatti è dato dalla presenza di cinque musei molto importanti:

  1. Pergamonmuseum: è un museo che al suo interno contiene tre musei, il museo di arte antica dove potrete vedere opere come l’altare di Pergamo, la porta del mercato di Mileto, il museo di arte islamica e il museo dell’Asia Anteriore con alcuni resti di Babilonia. Il Pergamonmuseum è aperto tutti i giorni dalle 10.00 alle 18.00 ad accezione del Giovedì che è aperto fino alle ore 20.00. Il costo del biglietto è di 12 euro.
  2. Altes Museum: è il museo dell’arte greca, etrusca e romana, sicuramente d’impatto la sua facciata con le 18 colonne ioniche scanalate e la grande scalinata. L’Altes Museum è aperto dal martedì alla domenica dalle 10.00 alle 18.00, il Giovedì fino alle 20.00. Il prezzo di ingresso è di 10 euro, ridotto 5 euro.
  3. Alte Nationalgalerie: raccoglie oper d’arte del 19esimo secolo. L’Alte Nationalgalerie è aperto dal martedì alla domenica dalle 10.00 alle 18.00. Il prezzo di ingresso è di 10 euro, ridotto 5 euro.
  4. Bodemuseum: mostra sculture, opere bizantine e un ricco monetiere e medagliere. Si trovano anche opere di Arnolfo di Cambio, Raffaello e Donatello. Il Bodemuseum è aperto dal marteì alla Domenica dalle 10.00 alle 18.00 tranne il Giovedì che chiude alle 20.00, il Lunedì è chiuso. Il prezzo di ingresso è di 12 euro, 6 euro ridotto
  5. Neues Museum: danneggiato gravemente dalla guerra, rimase in rovina fino al 1986. L’anno seguente iniziarono le opere di restauro che sono durate dino al 2009, anno in cui il museo ha riaperto al pubblico. Al suo interno potrete vedere una vastissima collezione egizia. Il reperto più famoso è sicuramente il Busto di Nefertiti.

Muro di Berlino e Est Side Gallery

Il terzo giorno lo iniziamo vedendo il tratto di Muro di Berlino più lungo che ad oggi sia rimasto in piedi, circa 1,3 km.

Quindi prendiamo la metro e scendiamo alla fermata Schlesisches Tor per camminale lungo la Est side Gallery.

est-side-gallery-berlino

Questo è un vero e proprio museo all’aria aperta. Qui potrete ammirare moltissime opere di artisti internazionali su un tratto di quello che rimane dell’ex muro di Berlino, tra i più famosi e fotografati sicuramente spicca l’opera di Dimitrij Vrubel intitolata “Bacio mortale”

Nonostante i bellissimi murales pieni di colori le vostre menti non potranno non pensare al triste passato di questa città.

Per raggiungere East Side Gallery andate in Mühlenstraße 3.

Checkpoint Charlie

Andiamo in direzione di uno dei luoghi più significativi della storia della città: il Checkpoint Charlie.

Se non sei già stanco e vuoi ammirare la città in tutta la sua bellezza, puoi anche raggiungerlo a piedi in circa 50 minuti, altrimenti potrete prendere la metro e scendere alla stazione di Kochstraße.

Arriviamo al Check Point Charlie, istituito nell’agosto del 1961, era uno dei posti di blocco più importanti del muro di Berlino. Oggi potrete vedere la ricostruzione della cabina originale da dove un tempo tutte le persone illustri passavano avendo il diritto di poter passare da una parte all’altra della città.

Check Point Charlie si trova in Friedrichstraße 43-45.

check-point-charlie-berlino

Il Museo Ebraico

Proseguiamo a piedi per il nostro tour di cosa vedere a Berlino in tre giorni verso quello che secondo noi è il luogo più toccante della città: il Museo Ebraico.

Il Museo Ebraico di Berlino, dove l’architetto Daniel Libeskind è riuscito attraverso gli ambienti della usa opera a trasmettere in parte al visitatore, quell’ansia e solitudine che provarono le persone perseguitate dal nazismo.

Qui tutto è molto rappresentativo, in particolare ci sono tre momenti fondamentali all’interno del museo: il giardino dell’esilio, la torre dell’olocausto e l’istallazione Shalechet.

Il giardino dell’Esilio è composto da 48 colonne alte sei metri, sormontate da alberi. Queste vi faranno provare un senso si smarrimento, disagio e fatica. Il pavimento inclinato vi provocherà squilibrio e nausea.

La Torre dell’Olocausto, qui vi si accede attraverso una pesante porta. Al suo interno troverete una stanza non climatizzata, buia. C’è solo una piccola apertura in alto che farà passare della luce; questo insieme ai rumori attutiti vi farà perdere l’orientamento. Simbolica è una scala a circa 3 metri dal pavimento, una via di fuga irraggiungibile.

L’istallazione Shalechet si trova in una grande stanza, è composta da migliaia di volti in acciaio posizionati in terra, su cui camminare; ciò provocherà un rumore inquietante e angosciante.  Tutto questo ovviamente non è minimamente paragonabile ai veri sentimenti provati dalle vittime, ma tutto ciò deve servire a rendere memoria a persone innocenti finite nella morsa dei nazisti.

museo-ebraico-berlino

Il Museo Ebraico si trova in Lindenstraße 9-14. Il Museo Ebraico è aperto dal Lunedì alla Domenica, il Lunedì dalle 10.00 alle 22.00, mentre gli altri giorni fino alle 20.00. Il prezzo d’ingresso del Museo Ebraico è di 8 euro.

Berlino è una capitale con un passato terribile e incancellabile, ma la sensazione che ci ha dato è quella di una città che ha  accettato i propri errori ed è riuscita a rinascere dalle proprie ceneri.

Questi sono i luoghi che noi definiamo “imperdibili” per il tuo weekend a Berlino, luoghi che hanno scritto la storia del mondo e della comunità LGBT.

Aeroporto dismesso di Tempelhof

Se vuoi vedere un luogo veramente originale durante il tuo tour di Berlino in tre giorni ti consigliamo vivamente di visitare l’Aeroporto di Berlino-Tempelhof, un tempo era uno degli aeroporti più importante della Germania, trasformato adesso in un enorme giardino pubblico.

Postdamer Platz

Nel nostro tour di cosa visitare a Berlino in 3 giorni non può certo mancare Postdamer Platz, una delle piazze principali della città. Diciamo che più che una piazza è un gigante incrocio di strade, marciapiedi e palazzi, il più famoso il Sony Center, un complesso di 7 edifici collegati tra loro da una grande copertura centrale che cambia coloro durante il giorno. Ovviamente al suo interno troverete di tutto, da negozi, ristoranti, bar e tanto altro.

Schöneberg, il quartiere gay di Berlino

Shoneberg è stato uno dei primi quartieri gay al mondo, infatti già intorno al 1920 Berlino era considerata l’unica città alternativa d’Europa. La zona è piena di ristoranti, bar, locali e negozi di ogni genere. Il quartiere è molto bello, infatti ha diversi palazzi d’epoca.

Fulcro del quartiere è la piazza Nollerdorfplatz, dove c’è la maggior concentrazione di bar e locali gay, molti dei quali anche per gli amanti dei fetish, come pelle e latex! In questa zona troviamo anche uno dei due alberghi eterofriendly della catena Axel!

Ovviamente di locali gay a Berlino ce ne sono diversi e non tutti a Shoneberg!


Leave a reply