Cosa vedere a Berlino in 3 giorni

Cosa vedere a Berlino in 3 giorni: l’itinerario per visitare i luoghi più imperdibili di Berlino

Per vedere Berlino a fondo occorrerebbero molti giorni, ma se avete a disposizione solo 3 giorni, basta un po di organizzazione e un buon allenamento e vedrete che riuscirete a vedere i luoghi più imperdibili della città.

Berlino è una città veramente enorme, ma vedrete che con i mezzi di trasporto pubblici e la Berlin Welcome Card  spostarvi sarà veramente semplice.

Cose da vedere a Berlino in 3 giorni

Come abbiamo già detto Berlino è una città veramente enorme e dispersiva, quindi abbiamo creato un elenco con i luoghi più importanti da vedere in città.

Giorno 1

Se è la prima volta che si viene a Berlino dirigiamoci subito ad uno dei luoghi più emblematici di questa città: La porta di Brandeburgo, questa enorme porta si trova all’inizio del Tiergarten, uno dei diversi parchi della capitale.

Questa grande porta in stile neoclassico è uno degli elementi più rappresentativi di Berlino. Questo monumento ha visto e vissuto tutta la storia della città, costruita come segno di pace, diventata simbolo di divisione nel 1961, da qui iniziò la costruzione del muro, fino ad oggi che è simbolo di libertà.

Apparentemente risulta essere a mio avviso un monumento spoglio e meno affascinante rispetto ad altre sue simili, ma pensando a tutto quello che ha passato immediatamente diventa un monumento di un valore inestimabile, da osservare, da immaginare, la pelle d’oca è stata inevitabile.

La porta di Brandeburgo si trova in Pariser Platz

Di fronte a questa meraviglia architettonica (attraversando il viale, all’interno del Tiergarten) troviamo il Memoriale agli omosessuali perseguitati sotto il nazismo detto anche Memoriale dell’Omocausto.

Questa deve essere assolutamente una pietra miliare per il popolo LGBT e un “luogo imperdibile” per la nostra comunità. Qui troviamo nuovamente una stele, ma più grande, con all’interno un video in loop di coppie lgbt che si baciano.

Il Memoriale si trova in Ebertstraße

Sempre all’interno del Tiergarten, non poco distante dal Memoriale per l’Omocausto, troviamo il Memoriale per Sinti e Rom, una grande vasca circolare contornata da una stele incisa con toccanti parole del poeta Santino Spinello

Il Memoriale si trova in Simsonweg

Continuando a passeggiare giungiamo al Parlamento Tedesco, il Bundestag. Elemento di spicco è sicuramente la cupola in vetro, dell’architetto Sir Norman Foster.

E’ possibile visitarlo gratuitamente, prenotando con largo anticipo da QUI. Mi raccomando, largo anticipo, purtroppo noi non abbiamo trovato posto.

Il Parlamento Tedesco si trova in Platz der Republik 1

Terminata la visita del Parlamento e della sua bellissima cupola, riprendiamo il nostro percorso verso il Memoriale dell’Olocausto.

Il memoriale per le vittime dell’olocausto è “luogo imperdibile a Berlino” per chiunque visiti la città, lo trovate superando la porta di Brandeburgo e spostandoci sulla sinistra arriviamo al Monumento per gli Ebrei assassinati in Europa, un luogo davvero suggestivo e toccante.

Qui l’architetto Eisenman è riuscito in un’opera davvero stupefacente; solitudine e angoscia vi pervaderanno quando camminerete tra le decine di stele di cui è composta.

IL Memoriale si trova in Cora-Berliner-Straße 1

Giorno 2

Lasciamo il nostro Hotel e dirigiamoci verso Alexanderplatz per visitare la prima attrazione della giornata: la Torre della Televisione.

Alexanderplatz

Salite sulla sua sommità e godetevi la magnifica vista sulla città. (La vista è magnifica anche di notte; sta a voi decidere quale atmosfera preferite  😉  )

Torre della Televisione

Proseguiamo in direzione  di un famosissimo museo della città: il Museo della DDR che racconta i 40 anni di storia della Repubblica Democratica Tedesca.

Proseguiamo la giornata in direzione “Isola dei Musei” .

Isola dei Musei di Berlino

Il nome non è a caso, infatti è dato dalla presenza di cinque musei molto importanti: Pergamonmuseum, Altes Museum, Alte Nationalgalerie, Bodemuseum e Neues Museum.

Proseguiamo camminando lungo la il Viale Unter den Linden (Viale Sotto i  Tigli), la strada più importante della città dove si trovano si trovano uffici governativi, ambasciate, Università di Humboldt, il teatro dell’Opera oltre a numerosi negozi.

Giorno 3

Il terzo giorno lo iniziamo vedendo il tratto di Muro di Berlino più lungo che ad oggi sia rimasto in piedi.

Quindi prendiamo la metro e scendiamo alla fermata Schlesisches Tor per camminale lungo la Est side Gallery.

Questo è un vero e proprio museo all’aria aperta. Qui potrete ammirare moltissime opere di artisti internazionali su un tratto di quello che rimane dell’ex muro di Berlino.

East Side Gallery

Nonostante i bellissimi murales pieni di colori le vostre menti non potranno non pensare al triste passato di questa città.

Per raggiungere East Side Gallery andate in Mühlenstraße 3

Proseguiamo in direzione di uno dei luoghi più significativi della storia della città: il Checkpoint Charlie.

Se non siete già stanche e volete ammirare la città in tutta la sua bellezza, potete anche raggiungerlo a piedi in circa 50 minuti, altrimenti potrete prendere la metro e scendere alla stazione di Kochstraße.

Arriviamo al Check Point Charlie, istituito nell’agosto del 1961, era uno dei posti di blocco più importanti del muro di Berlino.  Oggi potrete vedere la ricostruzione della cabina originale.

Check Point Charlie si trova in Friedrichstraße 43-45

Proseguiamo a piedi la nostra visita verso quello che secondo noi è il luogo più toccante della città: il Museo Ebraico.

Il Museo Ebraico di Berlino, dove l’architetto Daniel Libeskind è riuscito attraverso gli ambienti della usa opera a trasmettere in parte al visitatore, quell’ansia e solitudine che provarono le persone perseguitate dal nazismo.

Qui Tutto è molto rappresentativo, in particolare ci sono tre momenti fondamentali all’interno del museo: il giardino dell’esilio, la torre dell’olocausto e l’istallazione Shalechet.

Il giardino dell’Esilio è composto da 48 colonne alte sei metri, sormontate da alberi. Queste vi faranno provare un senso si smarrimento, disagio e fatica. Il pavimento inclinato vi provocherà squilibrio e nausea.

La Torre dell’Olocausto, qui vi si accede attraverso una pesante porta. Al suo interno troverete una stanza non climatizzata, buia. C’è solo una piccola apertura in alto che farà passare della luce; questo insieme ai rumori attutiti vi farà perdere l’orientamento. Simbolica è una scala a circa 3 metri dal pavimento, una via di fuga irraggiungibile.

L’istallazione Shalechet si trova in una grande stanza, è composta da migliaia di volti in acciaio posizionati in terra, su cui camminare; ciò provocherà un rumore inquietante e angosciante.  Tutto questo ovviamente non è minimamente paragonabile ai veri sentimenti provati dalle vittime, ma tutto ciò deve servire a rendere memoria a persone innocenti finite nella morsa dei nazisti.

Berlino è una capitale con un passato terribile e incancellabile, ma la sensazione che ci ha dato è quella di una città che ha  accettato i propri errori ed è riuscita a rinascere dalle proprie ceneri.

Questi sono i luoghi di che noi definiamo “imperdibili” per il tuo weekend a Berlino, luoghi che hanno scritto la storia del mondo e della comunità LGBT.

Il Museo Ebraico si trova in Lindenstraße 9-14


Una piccola chicca: Se vi avanza del tempo e volete vedere un luogo veramente originale di Belino vi consigliamo vivamente di visitare l’Aeroporto di Berlino-Tempelhof, un tempo era uno degli aeroporti più importante della Germania, trasformato adesso in un enorme giardino pubblico.


Letture consigliate:

Guida Berlino Lonely Planet

Guida Berlino National Geographic


Filippo di Ippo e Dixon

1 comment

  1. Tour di Berlino 5 Luglio, 2020 at 13:35 Rispondi

    Ciao Ragazzi, complimenti per il BLOG e per i vostri viaggi! Se tornerete a Berlino saremo lieti di potervi accompagnare alla scoperta della città, riusciremo a farvela amare ancora di più! Siamo un gruppo di guide italiane chiamato GUIDEinTOUR, gli unici a offrire anche un free tour di Berlino in italiano! Vi aspettiamo al nostro punto di ritrovo!!!

Leave a reply