Assicurazione sanitaria all'estero

Assicurazione sanitaria all’estero: perché non può mancare

Assicurazione medica: serve per i tuoi viaggi zaino in spalla?

Molti anni fa, quando abbiamo iniziato a viaggiare, prima con viaggi in Italia o in qualche capitale europea, minimamente pensavamo ad un’assicurazione.

La maggior parte di noi pensa all’assicurazione medica sanitaria, soltanto gli ultimi giorni prima di partire oppure, come qualche volta è successo anche a noi, quando ormai eravamo arrivati a destinazione.

Questo perché siamo talmente abituati alla situazione sanitaria in Italia, che qualsiasi cosa accada basta una telefonata al medico di famiglia o al massimo al 118 per le situazioni più gravi, per avere assistenza medica immediata.

Ma vi siete mai chiesti se anche nei paesi dove organizzate i vostri viaggi hanno tale assistenza medica?

Probabilmente finche rimaniamo in paesi europei, in caso di emergenza, riusciremmo comunque ad avere assistenza.

Ma al di fuori della nostra Europa le cose non sono così semplici sopratutto in alcuni paesi.

Zaino in spalla: il viaggio più bello e rischioso

Molti di voi avranno fatto nella vita almeno un viaggio “zaino in spalla” magari in paesi meno sviluppati del nostro.

Sicuramente viaggi memorabili che rimarranno indelebili nelle vostre menti, ma spesso sono anche i più a rischio.

Infatti questo genere di viaggio non si appoggiano mai a agenzie, tour operator o villaggi turistici, rientrando quindi in quella categoria di viaggio per i più audaci e temerari.

Certo quando si viaggia tutto è sempre bellissimo, nuovi paesaggi, nuove culture, ma gli imprevisti possono essere sempre dietro la porta.

Problemi logistici, voli aerei persi, bagagli perduti, incidenti, virus, batteri e chi più ne ha e più ne metta; il tutto aggravato dalle barriere linguistica che si può incontrare viaggiando all’estero.

Assistenza sanitaria all’estero: utile? no, è indispensabile

Viaggiare è la nostra passione e il nostro lavoro, ma è importante farlo in tranquillità per godersi a pieno la vacanza.

Spesso consideriamo la sicurezza di una nazione direttamente proporzionale al suo sviluppo, ma non è sempre così.

Prendiamo come esempio una delle mete che negli ultimi anni sta andando per la maggiore, New York, il centro del mondo, la grande mela, una delle metropoli più belle e visitate del mondo.

Cosa potrà mai accadere a New York?!

Noi associamo Manhattan ad un formicaio, infatti, ogni mattina oltre un milione e mezzo di persone si riversano nelle sue strade.

Ovviamente a questi dobbiamo aggiungere i turisti, che ogni giorno dell’anno si ammassano per visitare i più importanti musei di Manhattan  e i tanti tesori che custodiscono.

Dovete sapere che per entrare negli Stati Uniti, non è obbligatorio avere un’assicurazione sanitaria, ma dovete sapere anche che non esiste un sistema sanitario come in Italia o in Europa.

Ciò comporta un costo delle cure mediche veramente elevato, tanto che, anche un piccolissimo infortunio può costarvi migliaia di dollari.

Considerando che il costo medio di un’assicurazione per un viaggio negli USA è circa 50 Euro, siamo convinti che prevenire sia meglio che curare

Filippo di Ippo e Dixon

Leave a reply