Pose

Pose, la rivoluzionaria e imperdibile serie lgbt

Pose: New York di fine anni 80.

La società newyorkese sta passando alle modernità e lussuosità del mondo moderno, dove per affermarsi si deve vivere di apparenze e sopra le proprie possibilità.

Parallelamente alla New York “bene” vediamo una società lgbt che ancora non riesce a trovare una propria identità e unione, all’interno della comunità stessa esistono varie divisioni.

Troviamo infatti le/i transgender emarginate/i sia dalla collettività canonica sia da una parte della comunità gay, che per riscattarsi dal mondo esterno organizzano serata private chiamate Ball, concorsi/sfilate dove immedesimarsi nelle persone dei ceti alti, ricchi e soprattutto bianchi.

Pose affronta vari tematiche che ancora oggi, nonostante gli anni, rimangono sempre un tema delicato della nostra società, tra i quali, il razzismo, rifiuto dei figli gay, malattie e vari luoghi comuni.

La serie di Ryan Murphy, autore di serie cult come American Horror Story o Glee, è composta da 8 puntate, di circa un’ora l’una e sembra che sia stata già confermata una seconda stagione.

Per il momento, noi abbiamo visto solo due puntate, ma gli ingredienti per una serie vincente ci sono tutti! Guardatela e fatela guardare, soprattutto per sensibilizzare le persone su argomenti sempre un pò tabù e sempre troppo generalizzati.

Ciao bimbi bimbe e bigottini vari, alla prossima

Vostri Ippo e Dixon

VI POTREBBE INTERESSARE ANCHE:

Come è nato il movimento lgbt, i moti di Stonewall

I migliori locali e discoteche gay a Pisa

Arcobaleno da indossare: da portare assolutamente ad un gay pride

2 comments

Leave a reply